blog

Jamie Tregaskiss, quando tutto era calcio

Jamie Tregaskiss

Quando tutto era calcio. Sarà capitato a molti di noi, all’età di dieci anni o giù di lì, il pallone di cuoio per giocare, le figurine per sognare e le partite allo stadio e in televisione per tifare. C’è un’età in cui per un ragazzo, oggi anche per una ragazza, è tutto, è tutto il

Continua →


No football no cry

Bob Marley

Usain Bolt e Bob Marley, così lontani eppure così vicini. Entrambi giamaicani, entrambi nati nelle parrocchie civili (suddivisioni amministrative) dell’isola caraibica, entrambi amanti del football. È notizia di questi giorni, infatti, che il recordman dei 100 metri giocherà a calcio con la squadra Soccer Aid dell’Unicef, in una partita che coinvolgerà le leggende di questo

Continua →


La Coppa di Anconetani

Romeo Anconetani

Tensioni Usa-Iran, riordino dei conti dello Stato, nuovi sistemi antivirus per i dati registrati su sistemi informatici. Se non fosse per la musica, «I don’t want your love» dei Duran Duran, «A Groovy kind of love» di Phil Collins e «Tell me» di Nick Kamen i singoli più venduti, per le sottoculture giovanili, dai paninari

Continua →


La verità, vi prego, sul calcio

post verità

“La post verità è l’interpretazione della realtà da un punto di vista emotivo piuttosto che su fatti oggettivi”, dice al Foglio Walter Quattrociocchi, coordinatore del Laboratorio di Computational Social Science all’Istituto IMT Alti Studi di Lucca e autore di ‘Misinformation. Guida alla società dell’informazione e della credulità’. E la prima cosa che ci viene in

Continua →


Sognando Beckham

Abu Hanifah Foundation

Può il calcio riuscire lì dove diplomazia, politica, economia e società falliscono? Difficile dare una risposta, soprattutto da queste colonne, ma l’argomento che affrontiamo ci porta, per forza di cose, a trattare temi che sfiorano lo sport, come strumento d’integrazione, e che ci sfiorano quotidianamente, distraendoci labilmente dalla quotidianità. La nostra storia arriva da Blackburn,

Continua →


Il quarto stato pallonaro

quarto stato

Il quarto stato nel calcio esiste. Non conquista le copertine, non è intervistato, non ha visibilità ma è molto più diffuso di quanto si pensi, perché nessuno se lo immagina com’è stato dipinto dallo studio (https://fifpro.org/images/documents-pdf/2016-fifpro-global-employment-report.pdf) di FIFPro, il sindacato mondiale dei calciatori professionisti, presentato a Londra e pubblicato online. I dati sono il frutto

Continua →


La zampata rosa di Coppino

Franco Chioccioli

«Non mi dava fastidio essere chiamato Coppino, ma l’idea che paragonandomi al Campionissimo si aspettassero le stesse gesta in bicicletta. La somiglianza c’era, anche nel pedalare, ma da giovane pensavo solo a essere me stesso», Franco Chioccioli, nato a Castelfranco di Sopra (Arezzo) il 25 agosto 1959 e vincitore del settantaquattresimo Giro d’Italia. Secondo alcuni

Continua →


L’ultimo gol di Castellani

lapide Carlo Castellani

I gol per la gloria eterna sono stati 61, i gradini per il martirio 186. Erano quelli della cava del campo di concentramento di Mauthausen, in Austria, tagliati col piccone nell’argilla e nella roccia, tenuti da tondelli di legno, diversi in altezza e larghezza, per fiaccare il fisico, lo spirito e l’anima dei deportati. Lì

Continua →


Il sogno di Lorenzo

Lorenzo Burla

Giocare a pallone, in gran parte del mondo, è un’attività quasi naturale per milioni di bambini, che sognano di farlo ai massimi livelli, sino a conquistare la maglia della Nazionale. Un sogno innocente e potente al tempo stesso, generatore di grandi motivazioni, personali e sportive, bello e immaginifico come un aquilone, rincorrendo il quale si

Continua →


Le ragazze di Za’atari

Mesut Özil

Za’atari (o Zaatari) è un campo profughi giordano al confine con la Siria. Una città di 82.000 persone, il 54 per cento bambini e bambine, con scuole, un mercato e tutti i problemi di un campo profughi che in poco tempo è cresciuto a dismisura. L’approvvigionamento dell’acqua, il cibo, il rispetto dei diritti umani e

Continua →